Nuovo staff all’arrembaggio: intervista a Nicolò Merendino e Giulia Pantò

    1024 676 FabLab Parma

    Lo Staff del FabLab Parma si rinnova

    Il FabLab Parma dà il benvenuto a Nicolò Merendino, Host, e Giulia Pantò, Service operator.

    Due professionisti con profili, background e competenze specifiche nei settori della fabbricazione digitale, della prototipazione e dell’architettura che porteranno sicuramente un valore aggiunto alla mission e allo sviluppo del laboratorio. Conosciamoli!

    #1 Ciao! Raccontateci chi siete.

    • Nicolò M. Ciao, sono Nicolò Merendino. Sono interaction designer, specializzato nello sviluppo di strumenti musicali elettronici e hardware per le arti multimediali. Le tecniche che uso nell’ambito artistico sono le stesse della fabbricazione digitale presente nei FabLab, come stampa 3d, taglio laser ed elettronica.

     

    • Giulia P. Ciao a tuttә, sono Giulia! Sono una laureanda in architettura con la passione per la fotografia di reportage. Mi definisco una professionista poliedrica, cerco sempre di contaminare i vari ambiti professionali, come ad esempio lo studio dello spazio attraverso la fotografia. Inoltre mi piace coinvolgere le persone in quello che faccio e per questo ho scelto il Fablab. La prima volta ero entrata per sperimentare su vari progetti e ora mi trovo dall’altra parte.

    #2 Perché avete scelto di lavorare in un Fablab?

    • Nicolò M.  Perché sono presenti tutte le tecnologie e le macchine che menzionavo prima. È un luogo interessante dove entrano molti progetti sempre diversi e sperimentali che mi portano a sviluppare qualcosa di creativo e dinamico ogni volta, a differenza di un’azienda tradizionale.

     

    • Giulia P. Avevo voglia di sporcarmi sia le mani che la testa. Volevo concretizzare le idee che avevo senza però smettere di crearne di nuove e di incontrare persone, cosa che nel periodo di pandemia è diventata davvero difficile. Il Fablab è un bel luogo per tenere attiva la mente, veder realizzate concretamente le cose e incontrare persone sempre diverse che ci aiutano a far accrescere il nostro potenziale.

    #3 Qual è la vostra visione per il FabLab Parma del futuro?

    • Nicolò M. Voglio portare il mio background all’interno del laboratorio, creare una contaminazione tra questo spazio e quelle che sono le mie esperienze. Mi piacerebbe promuovere l’utilizzo dei programmi opensource, per dare la possibilità a tuttә di imparare e continuare a creare da solә con strumenti all’avanguardia, magari dopo una giornata passata al Fablab.

     

    • Giulia P. Anche se questi ultimi due anni hanno limitato questo aspetto, io vedo il Fablab come uno spazio pieno di persone che sperimentano e sviluppano idee partendo dalle potenzialità delle macchine e mi auguro che presto si possa tornare a questa dimensione. Vorrei che in molti potessero vedere cosa si può realizzare qui dentro: è un luogo per creare non solo oggetti ma anche relazioni e credo che sia uno dei punti fondamentali che li distingue da un’azienda.

    EXPERTISE

    Nicolò Merendino

    Host FabLab Parma

    Classe 1987, product e interaction designer specializzato, è ricercatore universitario con esperienza decennale nel campo della fabbricazione digitale. Abbraccia al 100% la filosofia maker open source e persegue la contaminazione tra i diversi ambiti dell’industria 4.0.

    Competenze chiave
    2D e 3D modeling
    Stampa 3D
    Elettronica

    Giulia Pantò

    Service operator

    Classe 1995, è laureanda al Corso di Laurea Magistrale Architectural Design and History del Politecnico di Milano. Curiosa di imparare, raccontare e abitare il contesto in cui vive, ha esperienze in fotografia sociale e architettura partecipativa.

    Competenze chiave
    Progettazione
    Prototipazione
    Rigenerazione urbana